I fori di proiettili e le blindature inutili … ovvero l’importanza di capire il problema!

Durante la seconda guerra mondiale, gli alleati mapparono i fori di proiettile negli aerei colpiti dalla contraerea tedesca

La deduzione logica degli ingegneri e dei costruttori fu quella di rinforzare le aree maggiormente colpite, al fine di blindare ulteriormente i velivoli, dando loro maggiore resistenza al fuoco nemico.

Un matematico, di nome Abraham Wald, giunse però a tutt’altra conclusione: i puntini rossi, che vediamo nell’immagine, rappresentano solo i danni subiti dagli aerei che tornarono alla base, e non di quelli abbattuti.

Secondo lo studioso infatti, le aree che dovevano esser rinforzate erano quelle in cui non c’erano puntini rossi, poiché se fossero state colpite l’aereo e il suo pilota non avrebbero più fatto ritorno a casa!

E’ incredibile notare come i punti più importanti di un aereo sono PROPRIO quelli privi di puntini: motori, cabina di pilotaggio, zona finale della fusoliera ( dove negli aerei dell’epoca passavano tutti i comandi per il timone e gli alettoni posteriori )

Questo fenomeno si chiama “Pregiudizio di Sopravvivenza”. Avviene quando guardiamo le cose che sono sopravvissute quando invece dovremmo concentrarci su quelle che non ce l’hanno fatta….

Vedo costantemente accadere questo con persone e aziende di tutte le dimensioni emho due riflessioni sull’argomento:

  1. Prima di correre ai ripari siamo sicuri che abbiamo individuato correttamente il problema o la sua causa principale?
  2. Prima di chiederci cosa fare di nuovo, appesantendoci inutilmente o entrando in territori inesplorati, dovremo chiederci:

– cosa NON dovremo più fare

– cosa dovremo SMETTERE di fare.

Eliminare è più efficiente che aggiungere. Sei d’accordo?

Se non fosse stato per la saggia riflessione di un’unica persona in un team composto da decine di validi tecnici si sarebbe appesantito INUTILMENTE l’aereo senza migliorare le possibilità di sopravvivenza dello stesso, anzi peggiorandole sicuramente ( in aereonautica ogni kg aggiunto rappresenta un grosso problema, soprattutto negli anni in questione )

Ti sei mai reso conto di aver sbagliato strada nella risoluzione di un problema? Quanto tempo / soldi / frustrazione ti è costato?

Racconta!

Vuoi saperne di più sulle tecniche di gestione del tempo?

Visita la pagina Fabbrica del tempo e scopri i corsi in aula adatti a te, scrivimi a info@andreapiccinotti.it o registrati alla mia newsletter in modo da non perderti il prossimo articolo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *